VSF e Brooke - insieme in Senegal

Il progetto “capre e asini”, progetto finanziato dalla Provincia Autonoma di Bolzano – Italia incontra l’operato meraviglioso in Senegal di BROOKE WEST AFRICA

A fine dicembre 2021 ha avuto inizio presso la regione di Kaffrine il progetto pilota “Capre ed asini nella Regione di Kaffrine (Senegal): specie animali da valorizzare per uno sviluppo sostenibile” che vede le organizzazioni nazionali, Servizi veterinari privati e pubblici di prossimità e l’USSEIN – Université du Sine Saloum, in partnership con due organizzazioni internazionali italiane, Veterinari Senza Frontiere Italia (capofila) e l’ONG COMI Cooperazione per il Mondo in Via di Sviluppo, a supporto della filiera latte di capra e sulla sensibilizzazione della specie asinina in Senegal.

Quest’ultima, infatti, motore della realizzazione di diverse attività economiche a supporto della popolazione (trasporto di acqua da e verso i villaggi dai pozzi principali, trasporto di persone e materiali), viene spesso trascurata.

L’asino a queste latitudini è utilizzato come animale da traino ed é molto diffuso, quasi più del cavallo, seppur meno apprezzato per il suo basso costo di acquisto e di manutenzione rispetto al cavallo, specie più considerata ma meno frugale e più sensibile alla scarsità di alimento concentrato e fibra secca tipiche di questa Regione a clima sahelo-sahariano.

È a supporto di questa specie che a luglio 2022 entra in gioco a vento in poppa anche la collaborazione con un partner leader della protezione degli equidi in generale, in Senegal come in tutto il mondo: Brooke International (https://www.thebrooke.org/). Brooke accompagnerà le attività di progetto nell’ambito del rispetto della filiera asinina, apportando materiali e conoscenze utili alla gestione ed alla salute degli equidi da lavoro, asini in particolare, nella Regione di Kaffrine. L’apporto di Brooke sarà importante anche nell’opera di sensibilizzazione sulla specie asinina che verrà fatta per radio in tutto il secondo semestre, con la piena collaborazione di 6 studenti dell’USSEIN, che hanno da poco cominciato a collaborare anch’essi sulle diverse ed interessantissime, non che utilissime, attività di progetto.

Ne vedremo davvero delle belle, continuate a seguirci, speriamo che da questa collaborazione, su questo progetto pilota nuovo nel suo genere, possano nascere nuove iniziative nel rispetto dell’asino, specie negletta e poco curata in West Africa come in altri contesti in via di sviluppo ma dal valore inestimabile.

Grazie a tutti voi che ci sostenete, il vostro aiuto ha un impatto inestimabile nella regione di Kaffrine!

“Djerejef!” (grazie nella lingua locale wolof) a Brooke per il suo supporto in questa grande avventura.